Free chat with women and x rated pics Dating love delmy com

Descrizione Leo è un sedicenne come tanti: ama le chiacchiere con gli amici, il calcetto, le scorribande in motorino e vive in perfetta simbiosi con il suo i Pod.

Le ore passate a scuola sono uno strazio, i professori “una specie protetta che speri si estingua definitivamente”.

Ma intorno ci sono gli amici, quelli veri, quelli che spesso si incontrano a quell’età e poi durano tutta la vita. Insomma una lettura piacevole, senza pretese, ma che alla fine lascia una dolce nostalgia.In conclusione, lasciatemi spendere due parole sull’autore.Lo so che se qualche adolescente passerà di qua (anche se ne dubito) penserà che sono la solita adulta che non capisce niente.D’altra parte era esattamente quello che pensavo pure io degli adulti quando avevo 16 anni.Il rosso invece è il colore dell’amore, della passione, del sangue; rosso è il colore dei capelli di Beatrice.

Perché un sogno Leo ce l’ha e si chiama Beatrice, anche se lei ancora non lo sa.La verità è che se anche io dall’adolescenza ci sono passata e, superandola, mi son fatta una certa esperienza, questa esperienza non potrà servire che a me e a me soltanto. Se su certe cose non ci sbatti il muso, non ti convinci. Cercherò di ricordarmi queste riflessioni quando i miei figli arriveranno all’adolescenza… 😀 Comunque, tornando al libro, è la storia di Leo, un liceale come tanti.Motorino, MP3, calcio con gli amici, amori impossibili e mai ricambiati, professori distanti e incomprensibili… Ma D’Avenia dimostra di saper guardare bene dentro i ragazzi, di capire quello che pensano o provano (probabilmente perché si ricorda ancora benissimo cosa pensava e provava lui quando stava tra i banchi).Bianco è il vuoto, la noia, il silenzio, la solitudine.è la tremenda sensazione, che provano tutti i ragazzi, che il mondo ti sia completamente indifferente e avulso, che tutto sia insignificante e estraneo.Così, quando arriva un nuovo supplente di storia e filosofia, lui si prepara ad accoglierlo con cinismo e palline inzuppate di saliva.